VERDELUNA  
    NATURASURVIVALITALIA  
SURVIVAL ITALIA    
home survival S U R V I V AL     FA PARTE DEL DOMINIO VERDELUNA.NET     VISITA ANCHE   "PORTALE MONTAGNA"     "FERRARA PORTALE"   "JU JITSU CSR FERRARA"    "VAB PROTEZIONE CIVILE"       
Fermarsi   Pensare   Programmare   Rifugio   Acqua   Fuoco   Non arrendersi  MAI!!!
 
sopravvivenza italia
ARGOMENTI
 
VOLONTà
FUOCO
ACQUA
KIT D'AVVENTURA
ORIENTARSI
RIFUGI
SEGNALARE
DISASTRI NATURALI
TRASFERIMENTI
CONDIZIONI METEO
   
   
   
 
SURVIVAL ITALIA SOPRAVVIVERE ITALIA SURVIVAL LUPO
  ORIENTARSI

ORIENTAMENTO

RIUSCIRE A STABILIRE ALCUNI PUNTI DI RIFERIMENTO IN UN AMBIENTE NUOVO E’ MOLTO IMPORTANTE. QUANDO SI VIAGGIA CONVIENE SEMPRE SAPERE DOVE CI SI TROVA: BASTA RICORDARE LA DIREZIONE DA CUI SI PROVENIVA, IL TEMPO CHE E’ TRASCORSO E LA APPROSSIMATIVA VELOCITA’ DI MOVIMENTO; IMPORTANTE E’ ANCHE VALUTARE LE DISTANZE; QUI SOTTO VI DIAMO UNA TABELLA INDICATIVA.

50 M   SI VEDONO GLI OCCHI E LA BOCCA DI UNA PERSONA

100 M   GLI OCCHI SEMBRANO PUNTINI

300 M   SI VEDE ANCORA UN PO’ LA FACCIA

600 M   LA TESTA DIVENTA UN PUNTO

800 M   LATESTA NON SI DISTINGUE PIU’ DAL CORPO

1500 M   SI DISTINGUE ANCORA UN PALO TELEGRAFICO

3000 M   SI DISTINGUONO I TRONCHI DI GROSSI ALBERI ISOLATI

 

LE DISTANZE SEMBRANO PIU’ BREVI QUANDO CI TROVIAMO SU DISTESE UNIFORMI COME LA NEVE, ACQUA, SABBIA.

LA CARTA GEOGRAFICA E’ UNO STRUMENTO INDISPENSABILE PER ORIENTARSI; LA SCALA E’ IL RAPPORTO DI RIDUZIONE CON LA REALTA’ PER CUI SE FOSSE 1.50000 SIGNIFICA CHE 500M DI TERRENO CORRISPONDONO A 1 CM SULLA CARTA.

LE CARTE GEOGRAFICHE HANNO SEMPRE IL NORD RIVOLTO VERSO L’ALTO DEL FOGLIO.

QUELLE TOPOGRAFICHE SONO SICURAMENTE LE MIGLIORI PERCHE’ PIU’ PARTICOLAREGGIATE RISPETTO ALLE ALTRE; QUELLE CLASSICHE POSSONO ESSERE 1:25000 QUINDI 1 CM CORRISPONDE A 250M OPPURE 1 MM CORRISPONDE A 25 M.

TUTTO CIO’ A COSA SERVE? SICURAMENTE PER AVERE UN’IDEA ABBASTANZA CHIARA DEL TERRENO, PER MISURARE LE DISTANZE, PER STABILIRE LA POSIZIONE IN CUI CI SI TROVA E SPECIALMENTE CAPIRE LA DIREZIONE DA SEGUIRE VERSO IL LUOGO DOVE VOGLIAMO ARRIVARE.

FONDAMENTALE IN OGNI CARTA E’ QUELLA RETE COSTITUITA DA LINEE IMMAGINARIE VERTICALI CHE SONO I MERIDIANI E QUELLE ORIZZONTALI CHE SONO I PARALLELI. ABBIAMO BISOGNO ANCHE DELLA BUSSOLA, SEMPLICE STRUMENTO CHE TRAMITE UN AGO INDICA IL NORD PER CUI RIUSCIAMO A FARE COORDINARE LA CARTA CON IL TERRENO SU CUI SIAMO.

SI TRATTA DI  APPOGGIARE LA BUSSOLA SOPRA LA CARTA, ASPETTARE CHE L’AGO SI STABILIZZI SUL NORD E RUOTARE LA CARTA SOTTOSTANTE FINO A CHE IL NORD O I MERIDIANI VENGANO A COINCIDERE CON LA BUSSOLA.

SE VI MANCA LA BUSSOLA ESISTE UN SISTEMA PER SAPERE DOV’E’ IL NORD SEMPRE CHE ABBIATE UN OROLOGIO; INFATTI LO TOGLIETE DAL POLSO, ORIENTATE LA LANCETTA DELLE ORE VERSO IL SOLE; LA LINEA, A META’ TRA LA LANCETTA DELLE ORE E LE ORE 12 MOSTRA IL SUD PER CUI IL SUO PROLUNGAMENTO VI INDICHERA’ IL NORD.

 

LA BUSSOLA

 VEDIAMO ORA COME IN PRATICA VIENE USATA LA BUSSOLA CON LA CARTINA.

USANDO IL LATO LUNGO DELLA BUSSOLA COME UN RIGHELLO, COLLEGATE IL PUNTO DI PARTENZA CON QUELLO DA RAGGIUNGERE, FACENDO BENE ATTENZIONE CHE LA FRECCIA DI DIREZIONE PUNTI DAL PRIMO AL SECONDO E NON VICEVERSA. (VEDI DISEGNO)

BUSSOLA MONTAGNA

 

TENERE SALDA LA BUSSOLA SULLA CARTA, NON DEVE MUOVERSI E RUOTARE IL QUADRANTE FINCHE’ LE LINEE DI ORIENTAMENTO NORD-SUD DELLA BUSSOLA SONO PARALLELE CON QUELLE DELLA CARTA(IN QUESTO MOMENTO NON FATE ATTENZIONE ALL’AGO).

BUSSOLA 

 

ARRIVATI A QUESTO PUNTO TENERE LA BUSSOLA IN MANO IN MANIERA CHE SIA IN POSIZIONE ORIZZONTALE, CON LA FRECCIA DI DIREZIONE PUNTATA DIRITTO DAVANTI A VOI. GIRATEVI FINO A QUANDO L’AGO VIENE A COINCIDERE CON LA FRECCIA DI ORIENTAMENTO(ATTENTI CHE LA PARTE ROSSA PUNTI A NORD).

NON VI RESTA CHE SEGUIRE IL PERCORSO INDICATO DALLA FRECCIA DI DIREZIONE. A QUESTO SCOPO PUNTATE A QUALCHE RIFERIMENTO( MONTAGNE, CAMPANILI, GRANDI ALBERI ECC…) E DIRIGETEVI SU QUELLA STRADA.

ORIENTARSI BUSSOLA

UN METODO PIU’ VELOCE CONSISTE NEL FAR COINCIDERE IL LATO LUNGO DELLA BUSSOLA CON LA DIREZIONE DEL TRATTO DA PERCORRERE, TENENDOLA BEN FERMA SULLA CARTA PROVVEDETE A GIRARE QUEST’ULTIMA GIRANDO SU VOI STESSI (COINCIDENZA TRA FRECCIA DI ORIENTAMENTO E AGO). LA FRECCIA DIREZIONALE INDICA IL PERCORSO DA SEGUIRE, CON L’ULTERIORE VANTAGGIO CHE ANCHE LA CARTA E’ NEL SENSO DELLA DIREZIONE DI MARCIA, COSI’ QUANDO IMPARERETE A LEGGERLA SARA’ PIU’ FACILE VERIFICARE LA CORRISPONDENZA TRA IL TERRENO E LA STESSA CARTA.

 LA CARTA

 COS’E’ UNA CARTA?

LA CARTA E’ LA RAPPRESENTAZIONE DI UNA PROPORZIONE DELLA SUPERFICIE TERRESTRE, VISTA DALL’ALTO.

OCCORRE PERO’ RIMPICCIOLIRE LE COSE FINO A FARLE STARE IN UN FOGLIO DI CARTA. LA SCALA RAPPRESENTA LA MISURA DI QUESTA RIDUZIONE. SE ABBIAMO PER ESEMPIO UNA SCALA 1:10000, QUESTO VUOL DIRE CHE 1 CENTIMETRO SULLA CARTA E’ UGUALE A 100 METRI SUL TERRENO.

OGNI CARTA HA UNA SUA SCALA INDICATA SULLA STESSA. PER LE GARE DI ORIENTEERING SONO DA 1:10000 A 1:15000 MA MAI MAGGIORE.

DATO CHE LA CARTA E’ BIDIMENSIONALE, POTREBBE ESSERE UN PROBLEMA MOSTRARE I RILIEVI E GLI AVVALLAMENTI DEL TERRENO. PER PORVI RIMEDIO SONO STATI ESCOGITATI ALCUNI RIMEDI OVVERO LE CURVE DI LIVELLO DOVE NE PUOI VEDERE UN ESEMPIO QUI SOTTO.

 

ORIENTARI MONTAGNA

 

E’ IMPORTANTE COMPRENDERE ANCHE IL CONCETTO DI EQUIDISTANZA,OVVERO DIFFERENZA IN VERTICALE TRA LE CURVE DI LIVELLO,SE E’ INDICATA UGUALE A 5 METRI. SE SONO MOLTO RAVVICINATE QUESTO RAPPRESENTA L’INDICE SICURO DI UNA FORTE PENDENZA DEL TERRENO, L’INCONTRARIO SE SONO MOLTO DISTANTI.

LA COSA E’ IMPORTANTISSIMA PERCHE’ SE SCEGLIESSIMO IL PERCORSO PIU’ BREVE IN LINEA D’ARIA SENZA TENER CONTO ALCUNO CHE DOBBIAMO ATTRAVERSARE DUE RIPIDE COLLINE ANZI CHE UN PERCORSO PIU’ LUNGO MA PIU’ PIANEGGIANTE FAREMMO UN CATTIVISSIMO AFFARE!!!

SPERO CHE COMINCIATE A RENDERVI CONTO DELL’ IMPORTANZA DI AVERE UNA CARTA TOPOGRAFICA E SAPERLA LEGGERE.

VERRANNO INSERITI QUI IN SEGUITO I SIGNIFICATI DEI SIMBOLI CHE TROVERETE SULLE CARTA.

 

VI CONSIGLIO DI STUDIARVI E LEGGERVI BENE LE LEGGENDE QUI IN SEGUITO PERCHE’ VE LE TROVERETE SEMPRE.

DOPO LA VEGETAZIONE LE TIPOLOGIE DI ACQUE

 

 

 

ORA VERRANNO ILLUSTRATI I TIPI DI TERRENO

 

 

 

 

ALTRI SIMBOLI DI STRADE E TRATTEGGI VARI

 

VOLEVO TORNARE PER UN PO’ SULLA CARA BUSSOLA CHE, SENZA OMBRA DI DUBBIO E’ L’ELEMENTO CON CUI DOBBIAMO PRENDERE MAGGIORE CONFIDENZA VISTO CHE E’ LA NOSTRA COMPAGNA DI VIAGGIO CHE PUO’ INDICARCI CON SICUREZZA LA STRADA PER PROSEGUIRE ALLA NOSTRA META.

 

GUARDATELA BENE:

 

 

PONETE ATTENZIONE, PER IL MOMENTO ALL’AGO DELLA BUSSOLA: POTETE VEDERE CHE E’ ROSSO E NERO, QUALCHE VOLTA E’ ROSSO E BIANCO, QUELLO CHE CONTA E’ CHE LA PARTE ROSSA INDICA SEMPRE IL NORD, O ALMENO IL NORD MAGNETICO.

RICORDATEVI CHE NELL’USARE LA BUSSOLA L’IMPORTANTE E’ TENERLA IN POSIZIONE ORIZZONTALE. SE VOGLIAMO INVECE ANDARE VERSO NORD OVEST CI SERVIRA’ QUEL “COSO” GIREVOLE CHE ABBIAMO CHIAMATO QUADRANTE IL QUALE DOBBIAMO GIRARLO FINO A CHE IL NORD-OVEST O LA DIREZIONE VOLUTA SI TROVI PERFETTAMENTE IN CORRISPONDENZA DELLA FRECCIA DI DIREZIONE (QUELLA ROSSA FISSA DISEGNATA IN GRANDE SUL FONDO TRASPARENTE DELLA BUSSOLA). VEDI DISEGNO SOTTO:

 

 

A QUESTO PUNTO, OCCORRE GIRARSI, VALE LA PENA DI RIPETERLO ANCORA TENENDO LA BUSSOLA BENE IN ORIZZONTALE, FINO A QUANDO L’AGO E’ ALLINEATO CON LA FRECCIA DI ORIENTAMENTO. FIGURA 3.

 

 

DI QUI IN POI SEGUIRE LA FRECCIA DI DIREZIONE, CERCANDO SE E’ POSSIBILE SULLA LINEA DEI PUNTI DI RIFERIMENTO COME CESPUGLI, DOSSI ECC…,SOLO PERCHE’ E’ MOLTO PIU’ COMODO CHE GUARDARE SEMPRE LA BUSSOLA.

 

VI SARETE CHIESTI COSA SONO QUEI NUMERI SUL QUADRANTE. SI TRATTA DI GRADUAZIONI DA 0 A 360 GRADI CHE CONSENTONO DI SEGUIRE IN MANIERA PRECISA LA DIREZIONE DA SEGUIRE. COME?

NON E’ DIFFICILE, SI TRATTA DELL’ ANGOLO TRA LA DIREZIONE NORD E LA DIREZIONE CHE NOI VOGLIAMO SEGUIRE. COSI’ SE VOGLIAMO ANDARE ESATTAMENTE A NORD E’ UGUALE A 0, A EST A 90 , A SUD A 180 E COSI’ VIA; QUESTO ANGOLO SI CHIAMA AZIMUT.

 

 

 

 

PER CONCLUDERE QUESTO IMPORTANTE CAPITOLO DELLA NOSTRA ENCICLOPEDIA DELLA SOPRAVVIVENZA AGGIUNGEREMO LA MISURAZIONE DELLE DISTANZE.

CONSIDERANDO CHE PER SAPERE LA DISTANZA DA UN PUNTO ALL’ALTRO VI SERVE UNA MISURA IN CENTIMETRI (VEDI CAPITOLO SULLA SCALA), DIVENTA DIFFICILE USARE UN DRITTO RIGHELLO, ESISTE PER CUI UNO STRUMENTO DETTO CURVIMETRO CHE HA UNA ROTELLA CHE VI PUO’ FAR SEGUIRE IL PERCORSO DA VOI PENSATO DIRETTAMENTE SULLA CARTA. UN SISTEMA INVECE DA ME USATO E’ UN FILO, MEGLIO DI RAME, CHE MODELLO SULLA CARTA E CHE ALLA FINE RADDRIZZO PER POTERLO MISURARE CON UN RIGHELLO E CALCOLARE LA DISTANZA.

NEL CASO NON ABBIATE LA BUSSOLA,UN SISTEMA SEMPLICE E FUNZIONALE E’ QUELLO DI PIANTARE UN BASTONE PER TERRA,SEGNARE CON UN SASSOLINO LA PUNTA DELL’OMBRA,POI ASPETTATE 15\20 MINUTI E SEGNATE ANCORA L’OMBRA SUL TERRENO LASCIATA DAL BASTONE; TRACCIATE ORA UNA LINEA CONGIUNTIVA TRA I DUE SASSI E AVRETE EST-OVEST. FACILE POI SAPERE IL NORD!

PER L'ORIENTAMENTO CON LA STELLA POLARE,LA QUALE INDICA QUASI ESATTAMENTE IL NORD,BISOGNA INNANZITUTTO INDIVIDUARLA.

DOBBIAMO RINTRACCIARE L'ORSA MAGGIORE(IL GRAN CARRO),CHE SI TROVA QUASI SULL'ALLINEAMENTO DELLE ULTIME DUE STELLE DELL'ORSA MINORE AD UNA DISTANZA 5 VOLTE MAGGIORE.

 

                  

DISEGNO PER IDENTIFICARE LA STELLA POLARE






 

SITI DEL DOMINIO 
 
 
Ferrara Portale 
 
 
 JJu Jitsu Ferrara 
 
 
VAB  protezione civile